Giovanni Pascuzzi

Tracce digitali di GIOVANNI PASCUZZI

Pubblicazioni

Libri recenti

Il problem solving nelle professioni legali

27/09/2017

Il problem solving nelle professioni legali

by Giovanni Pascuzzi

Categoria: Libri


Il diritto dell'era digitale

11/10/2016

Il diritto dell'era digitale

by Giovanni Pascuzzi

Categoria: Libri (curatore)

Avvocati formano avvocati

23/05/2015

Avvocati formano avvocati

by Giovanni Pascuzzi

Categoria: Libri

La creatività del giurista

22/05/2013

La creatività del giurista

by Giovanni Pascuzzi

Categoria: Libri

Giuristi si diventa. Seconda edizione

22/05/2013

Giuristi si diventa. Seconda edizione

by Giovanni Pascuzzi

Categoria: Libri


Comparative Issues in the Governance of Research Biobanks

01/02/2013

Comparative Issues in the Governance of Research Biobanks

by Umberto Izzo, Matteo Macilotti, Giovanni Pascuzzi

Categoria: Libri (curatore)

Chi è online

Abbiamo 108411 visitatori e nessun utente online

Confessioni di una vittima dello shopping (impressioni di lettura)

copertina confessioni vittima shopping

 

Kayo sposa a 17 anni Ryu che trova lavoro in una banca e che la rende subito madre di due bambini.

Del padre di Kayo sappiamo che è stato ucciso dalla yakuza (verosimilmente per non aver onorato dei prestiti presi a tassi usurari). Della madre, invece, sappiamo che, alla morte del marito, ha intrapreso la professione (discretamente redditizia) di entraineuse.

La vita da casalinga della protagonista scorre piatta e uguale e fin da subito viene invasa da un sentimento oscuro: la “makkura” qualcosa che si potrebbe tradurre come “depressione”. “Per essere una superdonna devi creare un giardino dentro di te; e in quel giardino devi gettarci tutta la tua sporcizia, tutte le parole che non puoi dire e i sentimenti che non puoi permetterti di provare: la tua stanchezza, la tua rabbia, il tuo odio nei confronti della tua famiglia e delle tue responsabilità, la routine che non cambia mai” (p. 64).

A trovarle l’antidoto ci pensa Makoto, una amica del liceo di Kayo che la introduce nel club più segreto ed esclusivo: quello delle donne dedite all’acquisto (compulsivo) di vestiti belli e costosi. “Non essere stupida – disse Tomoko. I vestiti sono l’unica vera forma di potere che spetta alle donne in questo mondo” (p. 77). Tomoko fa la consulente per lo shopping e spende molti soldi in vestiti perché è la compagna di un facoltoso imprenditore (p. 95). Li spende almeno fino al giorno in cui decide di porre fine alla sua vita lanciandosi sotto un treno (p. 89).

Ma ormai, in Kayo, il meccanismo compulsivo è innescato: “Il guaio delle cose belle è che quando ne hai una ne vuoi due e quando ne hai due ne vuoi tre. Perché l’appetito degli occhi non conosce limiti. A differenza della bocca, che in definitiva è collegata a un sacchetto, alle spalle degli occhi c’è l’armadio senza fondo della mente …. Tomoko seppe mostrami la magia dei vestiti, mi fece vedere che la vita poteva diventare una cosa eccitante solo perché avevi indosso la cosa giusta” (p. 81).

Così Tomoko spende tanto in abbigliamento. Ricorre a prestiti da parte della yakuza e decide di prostituirsi per guadagnare ciò che le serve per soddisfare il suo desiderio di possedere la bellezza. Tutto fila liscio finché il marito non scopre la sua doppia vita, preludio ad un tragico epilogo.

Il libro di Radhika Jha “Confessioni di una vittima dello shopping” (Sellerio) è tutt’altro che frivolo.

È una denuncia del consumismo ambientata in Giappone: “Grazie a voi americani abbiamo conosciuto il Felicismo. E adesso vogliamo che il pianeta intero sia felice e compri a più non posso, come facciamo noi. Soltanto allora ci sarà la pace nel mondo” (p. 59).

Ma soprattutto è il distillato della parabola di una vittima che diventa invisibile a se stessa e agli altri (p. 246). “Quando penso ai soldi, io immagino uno stagno pieno di fiori di loto ….Quando una persona si rende conto di essere disposta a fare qualsiasi cosa per soldi, allora quella persona si avvia a diventare libera. E allora diventiamo noi stessi come i soldi, o come il fior di loto: puri e bellissimi ma con i piedi saldamente piantati nel fango (p. 163) … non ricordo nemmeno le facce degli uomini con i quali sono andata a letto. Mi ricordo le cose che mi hanno fatto fare. Quelle sì. Ma la cosa importante è che ero in grado di farle, quelle cose, e di farmi pagare. Io davo soddisfazione. Ero una che riesce in ciò che si propone. Ero utile” (p. 181).

Il lettore paga a caro prezzo (figurativamente) la sua curiosità. Rayo si rivolge a qualcuno che le ha chiesto di conoscere la sua storia (p. 197). Il nome di questo qualcuno, che viene avvelenato dalla protagonista, non viene rivelato. Semplicemente perché quel qualcuno è il lettore stesso che vuole conoscere la sua storia. Egli finisce, quindi, per esserne parte perché raccoglie tutta l’inquietudine e tutto il malessere della protagonista che, appunto, si ritiene in diritto di uccidere chi ha voluto ascoltarla: “Il Felicismo ci ha messo in trappola. E adesso siamo vivi soltanto se seguitiamo a comprare. È per questo che bisogna che tu muoia. Perché nessuno straniero che venga a conoscere del nostro segreto può restare in vita…perché la storia di Rayo non è solo sua. E’ la storia del suo club, è la storia del suo paese. È la storia della nostra vergogna” (p. 247).

Questo libro parla di una forma dipendenza, di un tipo di disagio esistenziale e delle relazioni che legano tali stati dell’anima. Racconta di come le storie delle persone dipendano dal passato e dagli incontri che si fanno (Rayo, alla fin fine, ripercorre la strada del padre, della madre e di Tomoko). Mette in guardia dai pericoli insiti in modelli che si alimentano proprio del nulla esistenziale.

Chi non permette a nessuno di rovesciargli addosso il proprio abisso non riuscirebbe a leggere questo libro.

Chi cerca di capire in quanti modi questo tipo di società può spingere nel vicolo cieco della finta felicità potrà ben sopportare il pugno nello stomaco sferrato dall’autrice.

 

 

Maria di Nazaret

Maria di NazaretMaria di Nazaret

Maria di Nazaret, madre di Gesù, è il perno della religione cristiana.

I Vangeli poco ci dicono sulla sua figura storica. Marco riferisce solo di un incontro tra Madre e Figlio (Mc 3, 33). Matteo ci dice che Maria restò incinta per opera dello Spirito Santo (Mt 1, 16, 18). Luca racconta dell’Angelo che Le dice “Ti saluto, o piena di grazia, Il signore è con Te…concepirai un Figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù” (Lc 1, 26). Nel Vangelo di Giovanni, la Madre compare durante le nozze di Cana (Gv 2) 3 sotto la Croce (Gv 19, 25 ss.).

Ma è proprio su Maria che la religione cristiana deve far leva per affermare alcuni suoi capisaldi, al punto da edificare 4 dogmi:

1) Verginità perpetua. Serve a fondare la natura divina di Gesù. L’essere nato da una donna ne garantiva la piena umanità, ma la sua nascita verginale (prima, durante e dopo il parto) implicava l’assoluta iniziativa divina.

2) Maternità divina. Dio, per venire al mondo, sceglie di nascere da donna, come tutti gli altri uomini.

3) Immacolata concezione (da non confondere con il dogma 1). Maria è immune dal peccato originale fin dal momento del suo stesso concepimento (1854, bolla Eneffabilis Deus, Pio IX).

4) Assunzione in cielo. Riguarda la destinazione finale di Maria. Nel 1950 si è stabilito che “L’Immacolata Madre di Dio, sempre vergine Maria, terminato il corso della sua vita terrena, fu assunta in corpo e anima nella gloria celeste” (costituzione apostolica Munificentissimus Deus).

Ma al di là delle citazioni testuali e della rilevanza teologica, il culto mariano ha conosciuto una diffusione crescente.

Maria di Nazareth è adorata dai Cristiani di Oriente e di Occidente. Ad essa sono dedicati molti santuari ed una copiosissima iconografia: non secondaria quella che la ritrae con la pelle nera (nero è il colore della terra fertile). Rilevante è anche il numero delle sue “apparizioni”.

Maria di Nazareth è un ponte tra culture se è vero che il Corano a Lei dedica l’intera Sura XIX e che santuari mariani esistono in molti paesi di area musulmana nei quali cristiani e islamici venerano la stessa Madonna.

Maria di Nazareth ha attraversato la storia della spiritualità occidentale (si pensi al conflitto tra francescani e domenicani sulla Immacolata concezione), è stata usata dai potenti come simbolo dell’ortodossia romana (intere nazioni sono state consacrate alla Vergine), alcuni l’hanno vista come “mediatrice, avvocata e corredentrice”, a Lei molti si sono totalmente affidati (si rammenti il “Totus Tuus” di Giovanni Paolo II). Anche il femminismo ha dovuto occuparsene: Maria è modello di oppressione o di liberazione?

La letteratura su Maria di Nazareth è sconfinata. Il libro di Adriana Valerio è una chiave per ricostruire, in maniera chiara e puntuale, i contorni di una figura senza uguali. Che forse risponde al bisogno profondo di essere accolti, nutriti e protetti.

 

 

Il fascino degli indicatori nelle Università

indicatoreIl fascino degli indicatori nelle Università.

Lo scorso settembre sul Sole24ore era apparso un mio articolo sugli indicatori nelle università.

Ho approfondito la riflessione in una nota apparsa sul Foro italiano

Giovanni Pascuzzi, Il fascino discreto degli indicatori: quale impatto sull'Università?

Il Foro Italiano, 2017, I, 2549

 

 

 

Un caso di malaria, l'ospedale di Trento e le conclusioni affrettate della Ministra della Sanità

Un caso di malaria, l'ospedale di Trento e le conclusioni affrettate della Ministra della Sanità

Corriere del Trentino, 7 novembre 2017

 

malariaLa vicenda della piccola Sofia (deceduta per aver contratto la malaria) è ritornata alla ribalta della cronaca nazionale. Secondo il Corriere della Sera «dalle prime indiscrezioni sui risultati delle analisi compiute dai consulenti tecnici per conto della Procura di Trento emergerebbe che il ceppo del parassita malarico che l’ha contagiata corrisponde a quello identificato in due bimbe del Burkina Faso, ricoverate a Trento quella stessa settimana. Prende corpo, quindi, l’ipotesi che a causare l’infezione sia stato il tragico errore di un sanitario».

La ministra della Sanità ha dichiarato all’Ansa: «Possiamo escludere assolutamente che la malaria sia stata presa in un contesto esterno all’ospedale di Trento. Questo mi sembra un conforto perché vuol dire che non abbiamo ceppi di zanzare che sono vettori malarici. Da un certo punto di vista siamo tutti più sicuri». La Procura di Trento afferma però di non aver ancora ricevuto nulla dai periti nominati, mentre i vertici dell’azienda sanitaria sostengono che tutti i protocolli sono stati rispettati (quindi viene esclusa la possibilità dell’uso scorretto di un ago, come invece adombrato dalle anticipazioni di stampa).

Forse conviene invitare tutti alla prudenza. La ministra sembra soddisfatta di poter addossare la responsabilità sul nosocomio del capoluogo al punto da dare per scontato che «le autorità competenti interverranno sull’ospedale di Trento nel modo più consono e appropriato possibile». La ministra emette già una sentenza inappellabile, e cade in una fallacia logica: il fatto che sia identico il ceppo malarico che ha colpito Sofia e le bimbe del Burkina Faso non comporta come conseguenza necessaria che non ci siano in Italia zanzare in grado di trasmettere la malaria. Si tratta di errori di ragionamento che nella logica deduttiva prendono il nome di «non sequitur» ovvero di «ignoratio elenchi».

Sarebbe bene attendere i risultati definitivi delle inchieste. Anche perché occorre sapere non solo come Sofia abbia contratto la malaria, ma anche perché per lei (a differenza delle altre bimbe ammalatisi) l’esito sia stato infausto: hanno inciso condizioni particolari del soggetto o altre cause, come ad esempio un ritardo nella diagnosi? Nel frattempo sarebbe bene evitare di istruire processi sommari e di considerarsi sicuri abbassando la guardia nei confronti di tutti i possibili agenti portatori della malattia (zanzare comprese).

 

Il disumano è nei dettagli

Il disumano è nei dettagli

 

disumano

L’invito a presenziare all’evento mi era giunto via mail a firma «lo staff». Dopo aver comunicato l’impossibilità di partecipare a causa di pregressi impegni, dallo stesso indirizzo mail mi giunge il rituale messaggio di rammarico per la mancata presenza ma stavolta la firma è «a nome di…».

Le dita sulla tastiera sono partite d’istinto prima che ogni controllo razionale potesse vagliare l’opportunità di quello che stavo facendo: ho chiesto la cortesia di conoscere il nome della persona che mi stava scrivendo. Quasi immediatamente arriva la risposta: «Buona sera, sono Anna Rossi (nome di fantasia), mi dica»: il tono sembrava quello di chi si aspetta un rimprovero per aver fatto qualcosa di sbagliato. Ma la mia intenzione era tutt’altra: «Grazie gentile Anna. Non mi piace dialogare con qualcosa di impersonale come “staff” o “a nome di”. Siamo persone. E volevo ringraziare una persona per avermi scritto». Anche la replica è arrivata immediata: «Ma ringrazio io Lei per la gentilezza e... l’umanità, così rara nel mondo (pur iper-connesso) di oggi».

Mi ha molto colpito l’uso della parola «umanità». Spesso ascoltiamo, specie da papa Francesco, denunce contro la disumanità del lavoro: quello che si svolge in condizioni che non garantiscono i livelli minimi di sicurezza, o che impone turni e orari massacranti impedendo di assecondare le più elementari esigenze affettive e familiari del lavoratore, o, ancora, che è guidato dai computer che tracciano, secondo per secondo, le attività riducendo gli esseri umani a pesci in un acquario.

Nel caso specifico, però, il concetto di umanità è stato usato in un’accezione diversa: come assoluta spersonalizzazione di ogni relazione lavorativa. Parlando del lavoro in fabbrica si ricorre ancora oggi al termine alienazione per indicare il soggetto che si applica solo alla prestazione a lui richiesta: come Charlie Chaplin che stringe bulloni alla catena di montaggio nel film «Tempi moderni». In questa vicenda il richiamo all’umanità ha fatto emergere, in maniera spontanea e gentile, il disagio che nasce dalla richiesta di identificarsi con un gruppo o con il nome di un altro. Una forma di spersonalizzazione che uccide identità e relazione, ovvero l’essenza stessa dell’esistenza.

Forse qualche lettore penserà che quanto segnalato non sia un grande problema. Certamente è un frammento del «disumano» che caratterizza la nostra epoca.

Corriere del Trentino, 21 ottobre 2017. Corriere dell'Alto Adige, 21 ottobre 2017.

Fotogallery

Fotogallery
Image Detail Image Download
Fotogallery
Image Detail Image Download
Insediamento_Se...
Image Detail Image Download
20170416_162017
Image Detail Image Download
relatore
Image Detail Image Download

Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

  Accetti di proseguire la navigazione?