Giovanni Pascuzzi

Tracce digitali di GIOVANNI PASCUZZI

Blog

Saper costruire (il senso di una metafora)

Saper costruire (il senso di una metafora) 

copertina3

 

Quando ero adolescente i miei genitori regalarono a me e mio fratello un libro che si intitolava «Saper costruire». Era edito in Italia da Mursia e spiegava come realizzare tante cose: dalle costruzioni in legno agli apparecchi elettronici (come, ad esempio, una piccola radio); dagli oggetti in vetro agli strumenti di ottica e così via. Per molti anni diventò una specie di guida per noi e per gli amici con i quali trascorrevamo il tempo libero.

Con l’andare degli anni ho capito che quel libro insegnava molto di più delle semplici procedure necessarie a realizzare qualcosa (dalla scelta dei materiali al processo di assemblaggio). Insegnava un abito mentale che mi ha aiutato nel prosieguo della vita e che oggi penso si stia smarrendo a causa del mutamento del contesto.

Ci faceva capire, ad esempio, che per costruire è importante il lavoro di squadra ovvero l’apporto di tante persone, ciascuna in ragione delle proprie caratteristiche e possibilità. Ma per ottenere ciò è fondamentale che tutti siano animati da uno spirito collaborativo. Al giorno d’oggi, però, domina la competizione spinta. E l’altro non viene visto come qualcuno con cui cooperare ma come qualcuno da vincere (atteggiamento che, naturalmente, innesca comportamenti speculari).

Ancora, ci insegnava a immedesimarci nell’impresa e nell’obiettivo comune: ricordo ancora la gioia quando la radiolina a onde medie alla cui costruzione ci eravamo dedicati per settimane, emise il suo primo segnale.

La caratteristica odierna è la precarietà del lavoro e dell’impegno. Si sa già in anticipo che tra qualche mese si lavorerà (sempre se si continuerà a lavorare) per qualcosa di diverso da quello che si sta facendo. L’immedesimazione nell’impresa è esclusa per definizione. E spesso non si ha modo neanche di capire quale sia l’obiettivo da perseguire, vista la parcellizzazione dei compiti e dei periodi di impiego.

Soprattutto insegnava che per costruire qualcosa di importante occorre tempo. Un investimento sul tempo e nel tempo. Oggi, in molti campi, si pretende che le imprese industriali e commerciali producano utili in tempi brevi. Alcune aziende calcolano il proprio orizzonte temporale nell’ordine dei trimestri. In queste condizioni è difficile che nasca l’innovazione vera e di qualità. E che dire dei partiti politici, spesso imperniati su una singola persona, che nascono e muoiono in funzione dell’esito di una singola elezione.

Tutti gli elementi appena visti fanno capire che alla base del «saper costruire» ci sono la motivazione e la concentrazione, due elementi che, però, il contesto attuale tende ad annacquare.

Saper costruire è una metafora. Essa non riguarda solo le pur indispensabili abilità mentali e manuali (per fare le cose occorre capire perché le si fa e come si possono fare meglio). Ma riguarda gli ingredienti di base del modo di vivere in comunità. L’individualismo, la competizione sfrenata, il tempo che coincide con il qui e ora non aiutano a imparare questo «sapere». Che poi altro non è che saper costruire il futuro. E, in definitiva, una risposta alla ricerca di senso.

Corriere del Trentino, 21 agosto 2018

Corriere dell'Alto Adige, 21 agosto 2018

 

 

 

Fotogallery

Fotogallery
Image Detail Image Download
Fotogallery
Image Detail Image Download
Insediamento_Se...
Image Detail Image Download
20170416_162017
Image Detail Image Download
relatore
Image Detail Image Download

Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

  Accetti di proseguire la navigazione?