Giovanni Pascuzzi

Tracce digitali di GIOVANNI PASCUZZI

Blog

Architettura nella e della società (ovvero: architetti e giuristi)

Architettura nella e della società (ovvero: architetti e giuristi)

citta

Dal 5 al 7 luglio si è tenuto, a Roma, l’ottavo Congresso nazionale degli architetti italiani.

Il documento programmatico che ha formato la base di riflessione dell’evento si apre con queste parole: «Tutti abitiamo e la missione dell’architettura è proprio quella di definire l’abitare, il vivere, il lavorare l’avere rapporti sociali e quindi ABITARE parla di un progetto complessivo che a tutti interessa».

Definire l’abitare è un compito difficile ma ineludibile. Per farlo occorrono architetti con determinate caratteristiche. E infatti il medesimo documento (a pagina 29) così prosegue:

«L’architetto si colloca sempre di più in un contesto sociale e il valore dell’architettura deve avere riconosciuto il proprio valore sociale…. La correlazione tra capacità di esprimere una visione e di risolvere problemi sociali è la declinazione di quel mix di creatività e competenza che fa, come abbiamo detto, la natura della professione ma che oggi, rispondendo a questa istanza sociale deve diventare una sorta di regista dello sviluppo di città e territori…. La figura nuova è quella dell’architetto sociale. Una figura che diventi il progettista di oggetti, sistemi fisici e tecnologici di infrastrutture e morfologie, di utilità e servizi, ma anche un progettista dei nuovi welfare… Questa nuova dimensione sociale che è richiesta e non imposta, comporta profonde trasformazioni nei sistemi di relazione di alleanza dell’architetto con altre professioni – dal sociologo all’ingegnere, dal biotecnologo all’economista – che sostengono le nuove capacità dell’architetto e dell’urbanista e che si declinano nella necessità di atteggiamento problem solving e di un approccio problem setting».

Le considerazioni appena esposte dipingono l’architetto come un soggetto che definisce gli spazi (di una casa, di una città, di una intera nazione) per costruire relazioni sociali migliori al fine di promuovere il benessere collettivo.

Per fare questo occorre un maggiore “dialogo tra saperi”. E infatti il documento auspica una “alleanza” tra l’architetto e altre professioni citando espressamente: sociologi, ingegneri, biotecnologi ed economisti.

Non vengono citati i giuristi. Invece io penso che il giurista abbia molti punti in comune con la figura di architetto appena delineata. L’abitare si sostanzia nella costruzione di relazioni sociali. E il giurista è (o dovrebbe essere) l’architetto delle relazioni sociali. Il diritto è la tecnologia che ci consente di definire il modo di stare insieme e quindi di costruire l’innovazione sociale alla luce dei valori fondanti di una comunità. L’abitare, ad esempio, non può prescindere da principi come l’uguaglianza, la non discriminazione, la libertà e così via.

Anche i giuristi si occupano di “problem setting” nel momento in cui cercano di definire i problemi sociali (singoli e collettivi) e sono dei “problem solver” quando immaginano soluzioni nuove a problemi sociali vecchi e nuovi. Trovare risposte innovative ai problemi sociali impone anche al giurista di possedere le skills della creatività.

Abitare è un tema molto complesso. Formare al “dialogo tra i saperi”, al “problem solving”, alla “creatività” è il compito irrinunciabile di una Università che voglia insegnare a progettare il futuro.

 

 

Fotogallery

Fotogallery
Image Detail Image Download
Fotogallery
Image Detail Image Download
Insediamento_Se...
Image Detail Image Download
20170416_162017
Image Detail Image Download
relatore
Image Detail Image Download

Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

  Accetti di proseguire la navigazione?